lunedì 3 febbraio 2014

Sunday Superliga: volano Skenderbeu e Teuta, pareggio a Ballsh

Bylis Ballsh - Flamurtari 0-0

Non c'è niente da fare, a Ballsh non riesce proprio a vincere nessuno. Ci avevano già provato lo Skenderbeu (0-1), il Kukesi (1-1) e il Partizani Tirana (0-1) con scarsi risultati, e anche il tentativo di ieri del Flamurtari è andato a vuoto. In casa la squadra di Egbo si trasforma e riesce a mettere in difficoltà chiunque. Questa volta però gran parte del merito va al portiere Stive Frasheri, che si è trasformato in una saracinesca respingendo in molte occasioni i tentativi del Flamurtari, soprattutto nella ripresa. Per gli ospiti da sottolineare l'ingresso nella ripresa del colpo di questa mercato di Gennaio, ovvero Gilman Lika. Il centrocampista ex Tirana ha parlato così nel postpartita: " Sono molto contento per il mio esordio.Vengo da un periodo di riposo e quindi non sono nella mia forma migliore. Proprio per questo lavorerò molto per tornare il più presto possibile al top".
Nella la prossima giornata Kukesi e Besa aspettano Bylis e Flamurtari.

Bylis(4-4-2): Frasheri - Guga - Basriu - Idrizaj - Doshlaku - Gerxho - Meto - Kastrati - Bakiu - Abazaj - Kuli

Flamurtari (4-4-1-1): Mocka - Sakaj - Beqiri - Dushku - Mici - Pepa - Lena - Telushi - Begaj - Zeqiri - Abilaliaj






Skenderbeu - Vllaznia 2-1 (7' Shkembi, 18' Ribaj, 64' Tafili)

Dopo il pareggio del Partizani Tirana, la partita di ieri era un'occasione troppo ghiotta per allungare in classifica. Lo Skenderbeu non se l'è fatto dire due volte e ne ha approfittato per portarsi a +9. Shkmebi e compagni sono entrati in campo con l'unico obiettivo di portare i tre punti a casa, e con una partenza sprint hanno immediatamente messo il risultato in cassaforte. Nel secondo tempo il Vllaznia però è salito in cattedra, e complice l'appagamento dei padroni di casa ha costruito vari pericoli in zona Shehi. Al 64' Tafili ha accorciato le distanze sugli sviluppi di un calcio di punizione, mettendo ancor più paura ai tifosi di casa. Ma di pericoli nell'area dello Skenderbeu non se ne vedranno più, e anzi sono proprio i bianco-rossi di casa a creare l'occasione per il 3-1 con Tomic, sventata prontamente da Vujadinovic. Due a uno il risultato finale. Vittoria fondamentale, resa ancor più importante dalle tante assenze(Pejic, Ademir, Radas e Orelesi infortunatosi durante il match). Il Vllaznia invece rimane a 21 punti al quart'ultimo posto, e se il campionato finisse ora sarebbe retrocesso in serie B.

Skenderbeu(4-3-2-1): Shehi - Dimo - Gvozdenovic - Bicaj - Arapi - Shkembi - Orelesi - Lilaj - Muzaka - Tomic - Ribaj

Vllaznia (4-4-2): Vujadinovic - Gocaj - Sykaj - Vukçevic - Boci - Shtubina - Bardulla - Nikolic - Tafili - Hajdari - Busiç





Teuta - Lushnja 6-2 (12' 22' 50' 75' Joel, 43' Samb, 81' Xhafaj / 57' Fonseca, 90' Arbri)

Giù il cappello al cospetto di questo favoloso Teuta. La squadra di Sorrentino distrugge con un sei a due tennistico il malcapitato Lushnja, mattatore della serata Joel Apezteguia Hijuelos meglio conosciuto in quel di Durazzo come Joel. L'attaccante cubano - portato in Albania dal direttore tecnico Roberto Nava - ha mandato in visibilio il pubblico con le sue quattro reti e i conseguenti balletti di esultanza. Ma oltre a lui ci sono da sottilineare le prove degli altri neoarrivati come Batha e Samb, a testimonianza dello straordinario lavoro svolto da Nava. E non dimentichiamoci che per motivi burocratici i nuovi Kalu, Shala e Badalli non sono potuti scendere in campo. Per il Lushnja invece è notte fonda. La situazione si fa sempre più critica e non si intravedono soluzioni all'orrizzonte anche se la zona salvezza dista solo 4 punti. Il Teuta invece con questa vittoria si porta al secondo posto a parimerito con il Partizani. Il Teuta c'è, Skenderbeu, Partizani e Kukesi sono avvisati...

Teuta(4-3-1-2): Rizvani - Jakupi - Hoxha - Osmani - Da Silva - Nika - Batha - Hodo - Dosti - Samb - Joel

Lushnja (4-5-1): Spaho - Gyla - Sula - Bakiasi - Byzhyti - Topi - Dervishi - Cimili - Trashi - Tiodorovic - Canka




Reazioni: