domenica 21 maggio 2017

Nuk e meritojme kete edhe se e kemi harruar

"Lere futbollin shqiptar, ketu nuk do te mund te kete kurre nje futboll te paster."

Nje fjali qe ma kane perseritur nje numer te pafund heresh, nga te gjithe ato me te cilet - te pakten nje here - kam folur per kampionatin shqiptar. Kurre nuk iu kam besuar, deri dje. Dje per me shume kohe sesa thjesht nje moment kam menduar qe kane pasur te drejte. Ne perfundimin e ndeshjes Kukesi-Skenderbeu lejova veten te me merrte ajo fjali dhe u ndjeva gati ne faj. Por, pasi me kaloi nervozizmi dhe zhgenjimi, kuptova qe nuk mundem kurre ta bej ate fjali timen; nuk mundem, si shqiptar, si tifoz dhe mbi te gjithash si i apasionuar mbas Lojes.

Duket banale ta thuash, por nuk e meritojme kete. Dhe gjeja me e rende eshte se e kemi harruar. Nuk meritojme qe nje kampionat te jete i vendosur ne tavoline qe nga gushti (edhe kush bie nga kategoria), nuk meritojme qe te jemi spektatore - te diele mbas te diele - te atyre gabimeve trashanike te arbitrave per te ndihmuar "te fortet" dhe, mbi te gjithash, nuk meritojme te degjojme kush ve ne loje tere kete komedi. Kukesi eshte kampion i Shqiperise per here te pare ne historine e tij dhe ai meriton vetem pergezimet tona. 35 ndeshje pa humbje. Megjithate ndeshja e djeshme ka shfaqur edhe nje here qe era - per te perdorur nje eufemizem - frynte nga ana e tyre. Nje miku im i dashur disa muaj me pare, pasi me perseriti fjaline e zakonshme, me tha:

"Nje nga miqte e mi te ngushte qe ben vijerojtesin me tregoi kete: para nje ndeshjeje te Kukesit (qe nuk po themi cila) i deleguari i Federates hyri ne dhomat e zhveshjeve te arbitrave duke thene qe ajo ndeshje duhet te ishte e Kukesit me te gjitha menyrat."

Dua te mendoj qe do te kishin fituar ne cdo rast, sepse kane zhvilluar nje sezon te mrekullueshem fale punse se nje trajneri te madh si Ernest Gjoka dhe fale golave te nje Pero Pejic te pafund, qe tamam si vera behet me i mire me kalimin e viteve. Por qendron fakti qe ne nuk meritojme qe te tallen me pasionin tone me te madh, me besimin tone. Dhe qe ketu duhet nisur perseri. Eshte nje ftese per te gjithe, presidente, trajnere, lojtare, gazetare dhe tifoze: le te mbrojme futbollin tone, ta nderojme ate! Eshte e thjeshte te jemi te bashkuar kur Kombetarja luan ne Europian, por eshte me e rendesishme dhe me e bukur te jemi te bashkuar tani per kete "beteje". Po lejome qe disa individe te marrin nje pjese tonen dhe te luajne me ate sic deshirojne. Sot eshte futbolli, neser mund te jete dicka tjeter. Mos te lejojme qe "komedia" e djeshme te harrohet shpejt. Duke shpresuar qe e fundit mos te behet dita e fundit e kampionatit te shtunen tjeter.

"Vllaznia dhe Tirana nuk mund te bien nga kategoria, eshte politika ne mes" me thone te gjithe. Do te shikojme.

Ne perfundim, pergezime Kukesit per fitoren e kampionatit; keni shkruajtur nje faqe te re te futbollit shqiptar.


sabato 20 maggio 2017

Non ci meritiamo questo, anche se ce lo siamo dimenticati

"Lascia perdere il calcio albanese, qui non ci potrà mai essere un calcio sano"

Una frase che mi sono sentito ripetere un'infinità di volte, da quasi tutti quelli con cui - almeno una volta - ho parlato del campionato albanese. Non ci ho mai creduto, fino a ieri. Ieri per molto più di un semplice momento ho pensato che avessero ragione. Al termine di Kukesi-Skenderbeu mi sono lasciato trasportare da quella fatidica frase e mi sono quasi sentito in colpa. Ma, dopo aver smaltito rabbia e delusione, mi sono reso conto di non potermi mai abbandonare a quella frase; non posso, da albanese, da tifoso e soprattutto da amante del Gioco.

Sembra banale dirlo, ma non ci meritiamo questo. E la cosa più grave è che ce lo siamo dimenticati. Non meritiamo che un campionato sia deciso a tavolino già da Agosto (anche le retrocessioni), non meritiamo di assistere - domenica dopo domenica - a quegli scempi arbitrali messi in atto per favorire i 'potenti' e, soprattutto, non meritiamo di ascoltare chi mette in atto tutte queste commedie. Il Kukesi è campione d'Albania per la prima volta nella sua storia e a loro non possiamo che fare i nostri più sinceri complimenti. 35 partite senza sconfitta, giù il cappello. Anche se la partita di ieri ha dimostrato ancora una volta che il vento - per usare un eufemismo - soffiava dalla loro parte. Un mio caro amico qualche mese fa, dopo avermi ripetuto la solita frase, mi disse:

"Uno dei miei migliori amici che fa il guardalinee mi ha raccontato questo: prima di una partita del Kukesi (che non stiamo a specificare) il delegato della Federazione è entrato nello spogliatoio degli arbitri facendo chiaramente intendere che quella partita doveva essere del Kukesi a tutti i costi"

Voglio pensare che avrebbero vinto lo stesso, perché hanno disputato una stagione favolosa grazie al lavoro di un grande tecnico come Ernest Gjoka e grazie ai gol di un infinito Pero Pejic, che come il vino diventa più buono con il passare degli anni. Ma resta il fatto che noi non ci meritiamo che si prendino gioco della nostra più grande passione, della nostra fede. E da qui bisogna ripartire. E' un invito per tutti, presidenti, allenatori, giocatori, giornalisti e tifosi: difendiamo il football nostrano, onoriamolo! E' facile essere tutti uniti quando la Nazionale è agli Europei, ma è più importante e bello esserlo ora per questa 'battaglia'. Stiamo permettendo ad alcuni individui di prendere una parte di noi e di giocarci a loro piacimento. Oggi è il calcio, domani potrebbe essere un'altra cosa. Non lasciamo che l'ultima 'commedia' di ieri finisca ben presto nel dimenticatoio. Sperando che l'ultima, a questo punto, non diventi l'ultima giornata di campionato in programma sabato prossimo.

'Vllaznia e Tirana non possono retrocedere, c'è di mezzo la politica' tutti mi dicono. Staremo a vedere.

Detto questo, complimenti al Kukesi per la vittoria del campionato; avete scritto una nuova pagina del futbol albanese.