Lazio, Immobile: “Bello il mio gol al Milan. Un abbraccio a medici e infermieri”

Lazio, Immobile:

L’attaccante della Lazio ha commentato il momento che tutti stanno attraversando: “Gioco alla PlayStation e mi alleno, ma ora si pensa poco al calcio”

ROMA – Tutti a casa con i social network come mezzo di comunicazione con il mondo esterno. Ciro Immobile, in diretta su Instagram, è intervenuto a Tiki Taka per raccontare questo momento e non solo: “Alla PlayStation gioco molto a FIFA e a Call of Duty, il tempo a disposizione è tanto. Mi alleno davanti casa, ho qualche peso e faccio gli squat con le bimbe sulle spalle. Il gol più bello in questa stagione? Forse quello al Milan. Era il centesimo con la maglia della Lazio, ma mi è piaciuto il movimento, il colpo di testa che non è il mio forte. Bello anche quello contro la Spal in pallonetto”.

Ruolo ed Europei

“Un attaccante riesce a migliorare con il passare del tempo. Gioco in una squadra molto offensiva e mi ha aiutato molto. Quando fai tanti gol ti senti in fiducia e non vuoi mai fermarti. L’Europeo? Mancini crede in noi, possiamo vincerlo, ma in questo momento si pensa poco al calcio. Vorrei mandare un abbraccio ad infermieri e medici che in questo momento stanno lavorando per l’Italia”.

Europei rinviati al 2021: è ufficiale

Europei rinviati al 2021: è ufficiale

La Uefa ha reso noto che il campionato europeo si disputerà il prossimo anno

Era attesa l’ufficialità, adesso è arrivata: i prossimi Europei si giocheranno nel 2021, dall’11 giugno all’11 luglio. Slittano dunque di un anno. Lo comunica la Uefa sul proprio sito. A causa dell’allarme Coronavirus la Uefa ha deciso di rinviare la manifestazione, la cui apertura era inizialamente prevista per il 12 giugno (prima partita Italia-Turchia), di dodici mesi. In giornata ci sono state diverse riunioni della Uefa con l’Eca, l’European Leagues e le 55 federazioni associate che hanno portato allo spostamento di Euro 2020.

Si legge sul sito della Uefa: “Tutte le competizioni e le partite UEFA (comprese le amichevoli) per club e squadre nazionali per uomini e donne sono state sospese fino a nuovo avviso. Le partite dei play-off di UEFA EURO 2020 e le amichevoli internazionali, in programma per la fine di marzo, saranno giocate nella finestra internazionale all’inizio di giugno, con riserva di una revisione della situazione. Euro 2020 doveva svolgersi in dodici città d’Europa dal 12 giugno al 12 luglio 2020. Le nuove date proposte sono l’11 giugno – 11 luglio 2021. La UEFA vorrebbe rassicurare gli acquirenti di biglietti e i clienti di ospitalità esistenti che se non possono partecipare al torneo nel 2021, il valore nominale dei loro biglietti e pacchetti verrà rimborsato per intero”. 

ZIDANE AI FERRI CORTI COL REAL MADRID: SARÀ LUI IL DOPO SARRI ALLA JUVENTUS?

zidane real sarri juventus

Nonostante la vittoria nel Clasico contro il Barcellona, acque agitate al Real Madrid tra Zinedine Zidane e il presidente Florentino Perez. Tra il tecnico e il patron dei Blancos i rapporti non sono mai stati così tesi e sembra che il club madri dista si sia già mosso contattando Mauricio Pochettino. Per ora si tratta di un’ipotesi che rimane in piedi per l’estate, ma non è da escludere che se la situazione precipitasse (i risultati sono ottimi e non c’entrano nulla) il cambio di allenatore possa essere anticipato. Ovviamente, prima Pochettino dovrebbe liberarsi dal Tottenham, con cui è ancora sotto contratto, e non sarà facile.

Zidane alla Juventus e Pochettino al Real?

Sta di fatto che le notizie provenienti da Spagna e Inghilterra hanno fatto drizzare le antenne ad Andrea Agnelli. Prima ancora di contattare Pep Guardiola, il preferito del presidente della Juventus era proprio Zidane. A marzo 2019 c’era stato un contatto, ma la parola data dal francese a Perez ha impedito il grande ritorno di Zizou a Torino. Ora, però, sembra che si possano ricreare le condizioni favorevoli, anche se dipenderà tutto dai risultati ottenuti da Maurizio Sarri. Il tecnico ex Napoli e Chelsea si giocherà praticamente la stagione con Inter e Lione a porte chiuse. Il campionato per la Juve è un obbligo, la Champions un sogno, ma contro questo modesto Lione i bianconeri devono passare il turno. Intanto, oltre al fantasma di Guardiola, sul capo di Sarri comincia ad aleggiare anche quello di Zidane.

PARATICI A CACCIA DI CENTROCAMPISTI PER SARRI: THIAGO ALCANTARA IN POLE

thiago alcantara sarri paratici

Paul Pogba ma non solo. La Juve è a caccia di centrocampisti più adatti ai dettami tattici di Maurizio Sarri per la prossima stagione. Il centrocampista francese è uno di quelli che valgono per tutte le stagioni e ogni tipo di utilizzo, ma il tecnico bianconero ha anche bisogno di palleggiatori che gli consentano di applicare quel gioco arioso che fin qui dalle parti di Torino si è visto molto di rado. Tra i primi obiettivi di Fabio Paratici, secondo quanto riferisce oggi Tuttosport, c’è anche Thiago Alcantara (QUI LA SCHEDA TECNICA), 28enne nazionale spagnolo attualmente al Bayern Monaco.

Già la scorsa estate il figlio di Mazinho, ex centrocampista di Lecce e Fiorentina, è stato accostato ai campioni d’Italia, ma in estate il trasferimento può essere più semplice. Thiago Alcantara ha un contratto in scadenza a giugno 2021 e poiché non ci sono intenzioni di rinnovo, il Bayern dovrà cederlo in estate per non perderlo a zero a partire da febbraio prossimo. I rapporti tra le due società sono ottimi e facendo anche leva sulla volontà del giocatore di cambiare aria, Paratici punterà ad avere un prezzo di favore dagli amici bavaresi.

TUTTO MERCATO JUVENTUS: PARATICI LAVORA SU UN TERZINO DEL PORTO

tutto mercato juventus esteves

La Juventus ha messo nel mirino per il prossimo mercato estivo Tomás Esteves. Lo riferisce Gianluca Di Marzio di Sky Sport, secondo cui il club bianconero sta lavorando da tempo sul terzino che gioca attualmente nella seconda squadra del Porto, in Liga Pro. Classe 2002, Esteves ha un contratto in scadenza nel 2021 con una clausola rescissoria da 10 milioni di euro. Nonostante la giovanissima età dell’obiettivo, sembra che la Juve sia disposta a pagare la cifra, poiché l’Uefa ha inserito il ragazzo di recente nella lista dei 50 più promettenti del panorama europeo.

Ovviamente, essendo la concorrenza agguerrita, Fabio Paratici si sta muovendo in netto anticipo per  evitare brutte sorprese. Una volta portato a Torino, Esteves sarebbe inserito nella rosa della squadra Primavera oppure della Juventus Under 23.

ADIDAS IS BACK: LE MAGLIE DELL’ARSENAL 2019/20

Era – legittimamente – uno dei lanci più attesi della stagione e finalmente ci siamo: ecco le nuove maglie adidas Arsenal 2019 2020.

Il marchio tedesco torna sulle divise dei Gunners dopo 25 anni di lontananza, ma soprattutto dopo aver regalato nel periodo 1986-1994 alcune delle maglie più iconiche della squadra londinese.

Uscita in quegli anni da un lungo anonimato e diventata squadra di culto grazie al memorabile campionato del 1989 (vinto ad Anfield segnando a 25 secondi dalla fine) e al Double del 1991, è entrata nella storia della cultura calcistica anche per via dell’impatto che ebbero (e hanno tuttora, fra gli appassionati) molti dei kit firmati da adidas per il team della capitale inglese.

Maglie adidas Arsenal 2019 2020

Ad aprire la collezione 2019/20 è ovviamente la divisa home, rossa con le classiche maniche bianche. Una divisa che onora la lunga storia dell’Arsenal e – al tempo stesso – l’inimitabile stile adidas degli anni Ottanta e Novanta.

La base della maglia (che presenta una sottile trama a nido d’ape sul tessuto) è completamente rossa. Il bianco compare ovviamente sulle maniche e sul colletto, una classica V, impreziosita però da dettagli rossi e blu navy.

Lo stesso motivo torna anche sull’orlo delle maniche, mentre le tre strisce del brand compaiono (in bianco) solo sulla parte superiore delle spalle, senza “sporcare” le maniche.

Acquisto maglie a poco prezzo online,maglia Arsenal replica
personalizzate,per fornire il miglior servizio al prezzo più basso. Benvenuti a questo acquisto.

UFFICIALE: MATUIDI ALLA JUVENTUS FINO AL 2021, MA IL LIONE INSISTE

matuidi juventus 2021 lione

Blaise Matuidi ha prolungato con la Juventus fino al 2021. L’annuncio ufficiale è stato dato dallo stesso 32enne centrocampista francese in un’intervista a Sport24: “Resterò alla Juve, il mio contratto includeva una clausola per un ulteriore anno in opzione e il club ha deciso di esercitarla. Sono molto felice di continuare un’altra stagione qui. Non ho mai avuto dubbi – ha proseguito il campione del mondo transalpino – perché ho sentito la fiducia di tutte le parti. È certo che sto invecchiando e in questa scelta, penso anche alla mia famiglia che ama Torino”.

Matuidi: il Lione tornerà alla carica

Insomma, stando alle parole di Matuidi, nonostante non sia più un ragazzino e molti tifosi non lo ritengano adatto al gioco di mister Sarri, la società della Juventus lo ritiene ancora parte del progetto. Attenzione, però, a quanto può accadere la prossima estate, perché potrebbe trattarsi di un rinnovo “strategico”. Su Matuidi, infatti, c’è da tempo il Lione: il presidente dei francesi, Jean-Michel Aulas, ha confermato nei giorni scorsi che in estate farà un nuovo tentativo per strappare il sì ad Agnelli. E non è tutto, Aulas ha ammesso che sarebbe disposto a trattare con l’amico Andrea anche la cessione di Aouar, uno dei pezzi pregiati della rosa del Lione.

A proposito del suo connazionale, Matuidi ha ammesso: “Aouar è ​​interessante, per la sua capacità di giocare per gli altri e di essere decisivo nel segnare gol. È un giocatore promettente e di grande talento”, ha concluso.

GUARDIOLA-JUVENTUS 2021: ECCO IL PROGETTO DI AGNELLI

guardiola juventus 2021

Il presidente bianconero ha ammesso che se il tecnico spagnolo fosse libero, sarebbe “un’eresia non provare a prenderlo”

Andrea Agnelli è stato chiaro ieri durante un’intervista rilasciata a “Tutti convocati” su Radio 24: “Sarebbe un’eresia non pensare a Guardiola, ma lui è felice al City e noi siamo felici di Sarri”. Tradotto, Pep Guardiola non è libero, ma se lo fosse un club come la Juventus è obbligata a provarci. Uno scacco per tutti coloro che in estate avevano bollato le notizie secondo le quali la Juve stesse pensando al tecnico spagnolo per il dopo Allegri come fake news. Anche la Gazzetta dello Sport di oggi scrive che “la scorsa primavera fu avviato un dialogo tra il numero uno bianconero e l’attuale tecnico del Manchester City”. Riscontrando l’impossibilità da parte dell’ex Barcellona di lasciare il club inglese, la Juventus ha scelto Maurizio Sarri.

Guardiola-Juventus: Sarri a tempo?

Il rispetto formale è reciproco tra l’attuale tecnico bianconero e la dirigenza, ma dalle parti della Continassa non guardano in faccia a nessuno se c’è di mezzo l’obiettivo, ovvero la vittoria. La sentenza che ha escluso il Manchester City dalle prossime due edizioni delle coppe europee ha cambiato in parte gli scenari: Guardiola ha ribadito più volte di voler onorare il suo contratto valido fino al 2021. Non resta che attendere la prossima estate, quando con ogni probabilità l’Uefa si pronuncerà sull’appello del club inglese, che a sua volta poi deciderà il da farsi. In caso di respingimento del ricorso, lo stesso sceicco Mansur potrebbe ridimensionare il progetto e i calciatori correre via dall’Etihad. A Guardiola converrebbe restare a quel punto?

WILLIAN AVVISA LA JUVENTUS: “CHIEDO ALMENO UN TRIENNALE”

willian juventus triennale

La Juventus continua a monitorare la situazione del brasiliano Willian, 32enne esterno offensivo in scadenza con il Chelsea a giugno prossimo. Sarri sarebbe entusiasta di riavere a disposizione il calciatore con cui ha già lavorato a Londra, perché all’occorrenza può adattarsi ad entrambe le fasce e non disdegna nemmeno la posizione di trequartista dietro le punte. La destinazione italiana non dispiace affatto al calciatore, al quale negli ultimi giorni l’attuale club ha fatto una proposta di rinnovo biennale.

Willian alla Juventus: contratto fino a 35 anni?

“È una situazione complicata – dichiara Willian a Esporte Interativo – perché mi è stato offerto un contratto biennale e questa proposta non è stata più ritoccata. Io ho semplicemente chiesto di avere almeno un triennale. Non è facile sapere cosa accadrà, ma al momento sono pienamente concentrato sugli obiettivi da raggiungere fino al termine della stagione”. Insomma, la Juventus è avvisata, se vorrà assicurarsi le prestazioni del classe ’88 verdeoro dovrà garantirgli un contratto fino a 35 anni da 7 milioni più bonus a stagione.

JUVENTUS: LA RIVOLUZIONE NEL PROSSIMO MERCATO PASSA DAL PORTOGALLO

juventus ruben dias grimaldo

Con o senza Maurizio Sarri in panchina, nel prossimo mercato estivo la Juventus effettuerà un profondo rinnovamento della rosa. È quanto trapela da Torino dopo le ultime uscite, che hanno sostanzialmente confermato quanto pronosticato da Massimiliano Allegri: la rosa bianconera ha bisogno di rinnovamento, poiché dopo tanti anni di vittorie diversi elementi sono logori a livello psico-fisico, mentre altri hanno bisogno di cambiare aria per ritrovare le giuste motivazioni. Da grande conoscitore di calcio, il livornese ci aveva visto lungo, ma la dirigenza pensato che con qualche ritocco la rosa nella quale lo scorso anno era stato innestato Ronaldo, avrebbe potuto fare uno step in su rispetto all’ultima stagione di Allegri.

Emissari della Juventus in Portogallo

Ieri sera emissari della Juventus sono stati avvistati a Lisbona durante la partita tra Benfica e Shakhtar Donetsk di Europa League. In Portogallo scrivono che i bianconeri si sono fatti nuovamente sotto per due calciatori del club portoghese che seguono già da diverse stagioni, ovvero Ruben Dias e Alejandro Grimaldo.

Ruben Dias: chi gli fa posto al centro della difesa?

Ruben Dias è un difensore centrale di 22 anni prodotto del vivaio del Benfica e che vanta già 17 presenze con la nazionale di cui è capitano CR7. In questa stagione il ragazzo ha collezionato 37 presenze tra campionato portoghese e coppe condite da 3 gol e 1 assist. Blindato da un contratto fino al 2024 e una clausola da 100 milioni di euro, la Juve spera di convincere il club lusitano a lasciarlo partire a cifre più “umane”. Certo è che se l’interesse sarà concreto, vorrebbe dire che è in programma la cessione di uno degli attuali centrali difensivi.